h-lab logo
h-lab logo

L’analisi genetica da fare in casa

15 giugno 2017

Il 6 aprile 2017 FDA (Food and Drug Administration), l’agenzia regolatoria Americana per i farmaci e i dispositivi medici, ha approvato un Test di Rischio Genetico Personalizzato che chiunque può fare in casa sul DNA contenuto nella saliva. Il campione di saliva prelevato viene spedito all’azienda 23andMe, la quale analizza 500.000 varianti genetiche, e a scelta, informa il cliente (e non più paziente, cosi è stato definito nel comunicato stampa) su 10 fattori di rischio genetici per altrettante malattie. Tra le malattie il cui rischio può essere determinato dal test, ci sono la malattia di Parkinson, la demenza di Alzheimer a esordio tardivo, due disturbi della coagulazione e il morbo celiaco, oltre alcuni difetti enzimatici. Il fatto di poter sapere di varianti genetiche che espongono al rischio di sviluppare queste malattie, non corrisponde a dire che il cliente sicuramente svilupperà queste forme patologiche e qui forse sta la vera innovazione. Al cliente, infatti, non ancora paziente, viene consegnata un’informazione importante sulla propria salute e insieme ad essa la responsabilità di compiere delle scelte, future azioni e stili di vita che precedentemente venivano gestite dal medico in prima persona. I medici a loro volta, dovranno essere preparati a gestire nuovi pazienti che portano questo tipo di informazioni.

Tags: , , , ,